Obiettivi

Obiettivi

Implementare una piattaforma distributiva rappresenta l’obiettivo generale del progetto La piattaforma, basata su metodi di ottimizzazione e su tecnologie e sistemi innovativi, sarà in grado di integrare le varie fasi della catena logistica a supporto della creazione di un nodo di consolidamento e deconsolidamento della merce presso il porto di Gioia Tauro.

L’obiettivo strategico generale  è quindi quello di offrire alle imprese dell’area portuale di Gioia Tauro le metodologie e gli strumenti tecnologici funzionali per sostenere la creazione di un polo di consolidamento e deconsolidamento del carico a Gioia Tauro (Groupage) al fine di rappresentare una piattaforma alternativa (Modello di business alternativo)  alla distribuzione della merce per tutto il Centro-Sud Italia e per l’area del Mediterraneo, ovvero sostenere ed aumentare il vantaggio competitivo (già determinato dal posizionamento geografico del Porto di Gioia Tauro) verso altri operatori localizzati nel Nord Italia e che allo stato attuale organizzano servizi di groupage su scala nazionale (incluso Mezzogiorno d’Italia ed Isole con significato incremento dei costi distributivi per i piccoli esportatori ed importatori).

In relazione a questo è possibile definire quindi una serie di obiettivi specifici ed operativi che articolano e sostanziano l’obiettivo strategico generale.
L’obiettivo strategico di tipo generale può essere destrutturato negli obiettivi specifici, riportati in quanto segue.

Obiettivi specifici:

Gli obiettivi specifici perseguibili dal progetto possono essere ricondotti all’incremento della competitività attraverso:

–    l’acquisizione di strumenti di gestione e controllo, basati su modelli a supporto delle decisioni,  in linea con quanto utilizzato dai principali competitors nazionali ed esteri;
–    la diversificazione del servizio offerto: promuovere l’offerta dei servizi di consolidamento e deconsolidamento presso l’Area Portuale di Gioia Tauro integrando pertanto gli attuali servizi offerti dagli operatori logistici con un servizio nuovo ed ad alto valore aggiunto.
–    la riduzione dei tempi di realizzazione del servizio e dei relativi costi: la creazione di una piattaforma di consolidamento e deconsolidamento merce, supportata dai modelli e metodi di ottimizzazione che verranno sviluppati, avrà un impatto significativo sui tempi e costi di:
–    svuotamento e riempimento container;
–    magazzinaggio delle singole partite ricevute/destinate dai/ai singoli operatori (esportatori od importatori di piccoli colli);
–    distribuzione e consegna delle singole partite.

La creazione di una piattaforma a Gioia Tauro consentirà ai partner industriali coinvolti di poter competere con i porti del Nord Italia ed Europa, attraverso un sistema fortemente innovativo, efficiente ed in linea con i modelli utilizzati dai principali competitors.
La realizzazione della presente linea progettuale, consentirà pertanto di acquisire ed  apportare al processo produttivo il giusto know how nella gestione di problematiche legate al Groupage ed alla distribuzione.
Si tratta quindi di creare un modello di business alternativo, che potrà essere proposto, per mezzo di mirate azioni commerciali, ai consolidatori esteri, al fine di far convergere traffico LCL verso Gioia Tauro. I partner industriali coinvolti, potranno così proporsi come consolidatori di container e distributori di singole partite, acquisendo notevole vantaggio competitivo ed accrescendo la propria quota di mercato.

Gli obiettivi specifici  sono quindi correlati allo sviluppo di un nuovo servizio mai gestito a Gioia Tauro.
Attualmente infatti le attività espletate riguardano essenzialmente servizi di forwarding, svuotamento occasionale di container, stoccaggio in magazzino di piccole quantità ecc.
Attualmente risultano inesistenti i servizi di consolidamento e deconsolidamento della merce (quindi i cosiddetti servizi LCL, Less Conatainer Load) e servizi di distribuzione che coprono tutto il Sud Italia.
Tale deficit è prevalentemente causato non dalla mancanza di magazzini e strutture fisiche idonee, ma essenzialmente per l’inesistenza di strumenti e modelli innovativi necessari per la gestione di tali attività ed in grado di gestire le problematiche ad esse collegate.

La definizione, lo sviluppo e l’implementazione di tale piattaforma distributiva, consentirà l’integrazione delle attività relative alle politiche di magazzino, di riempimento e svuotamento dei container e delle politiche distributive con consequenziale riduzione dei costi e dei tempi di realizzazione del servizio.
Tali benefici saranno quindi immediatamente  trasferibili:
•    nelle connessioni con i vettori in quanto trasporto e consegna verranno attuati nei tempi definiti;
•    a vantaggio dei piccoli esportatori ed importatori che vorranno usufruire della nuova piattaforma in quanto beneficeranno di costi distributivi più bassi derivanti dalle minori percorrenze chilometriche in quanto la merce non deve arrivare al Settentrione d’Italia per poi essere distribuita al Sud, ovvero dai minori tempi di consegna.

Obiettivi operativi

Dal punto di vista strutturale, le fasi che caratterizzeranno lo sviluppo del progetto, consentiranno il raggiungimento dei seguenti obiettivi di tipo operativo.

•    Definizione di approcci risolutivi innovativi ed efficienti per il problema del consolidamento.
Il problema del consolidamento della merce può essere rappresentato formalmente con il modello matematico del problema di bin packing, in cui un certo numero di items distinti devono essere inseriti in certo numero di bins. In tale contesto, gli items rappresentano la merce. È evidente che la merce può essere di diversa natura ed essere associata a diversi produttori/fornitori. Tale merce deve essere caricata in container in modo da minimizzare lo spazio non occupato. Diversi vincoli devono essere tenuti in considerazione. Ad esempio, possono esserci delle incompatibilità tra le diverse tipologie di merce sia di tipo chimico/fisico che di tipo contrattuale.

Inoltre, la strategia usata per caricare la merce nei bins deve essere stabilita in funzione delle operazioni che verranno svolte nel magazzino di destinazione. Ad esempio, alcune tipologie di merce devono essere sottoposte ad operazioni di controllo obbligatorio a destinazione. Pertanto, tale merce deve poter essere scaricata per prima in modo da minimizzare il tempo di attesa nel magazzino di arrivo. Questi sono soltanto alcuni dei vincoli operativi che dovranno essere considerati nel definire le strategie ottimali di consolidamento della merce nei container.

•    Definizione di approcci risolutivi innovativi ed efficienti per il problema combinato dell’instradamento dei veicoli e del caricamento delle merci.
Obiettivo di tale attività di ricerca è quello di sviluppare uno strumento capace di supportare le decisioni di tipo operativo relativamente alla disposizione della merce nei vettori (camion, container, ecc.) ed all’instradamento ottimale della merce stessa. La determinazione della composizione ottimale dei vettori non deve prescindere dall’instradamento degli stessi. Il modulo di ottimizzazione dovrebbe, quindi, fornire un valido supporto per la determinazione delle rotte a minimo costo e la formazione ottimale del carico nei vettori.
Data la domanda proveniente da più clienti/magazzini, la merce viene caricata nei vettori con l’obiettivo di minimizzare lo spazio non occupato e di conseguenza il numero di vettori necessari per fornire i clienti/magazzini.
Tale problema include dei vincoli intrinseci di tipo spazio-volumetrico ed ulteriori vincoli che derivano dalla natura del processo di distribuzione della merce e quindi di instradamento dei vettori. I primi si riferiscono alle dimensioni dei vettori e delle unità di carico. È evidente che le unità di carico devono poter essere contenute interamente dai vettori. Inoltre, il peso del carico complessivo su un vettore non deve eccedere la capacità massima dello stesso. Il secondo gruppo di vincoli, invece, deve considerare il modo in cui la merce viene distribuita. In altre parole, risulta necessario considerare anche il problema di instradamento dei veicoli.
Il problema da risolvere è qui quello di affrontare in modo congiunto l’instradamento dei veicoli adibiti alla distribuzione della merce e il caricamento dei veicoli.

•    Realizzazione di un sistema a supporto delle decisioni, in grado di garantire un servizio efficiente ed efficace nella gestione dei processi di consolidamento/deconsolidamento dei vettori e della distribuzione della merce. Integrando le metodologie definire per affrontare il problema combinato del consolidamento/deconsolidamento e distribuzione della merce, renderà l’analisi delle soluzioni proposte dai metodi facilmente interpretabili dagli operatori logistici. Inoltre, l’interfaccia dovrà essere user-friendly in modo da facilitare l’inserimento dei dati, l’avvio del processo risolutivo attuato dagli algoritmi di ottimizzazione e la visualizzazione della soluzione proposta.